Frane ed esondazioni in Sicilia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Frane ed esondazioni in Sicilia

Messaggio Da THE_HUNTER il Gio 21 Nov 2013, 12:30




I siti in pericolo 6.000, circa il 30% del territorio dell'Isola. L'assessore Lo Bello: «Pai, Sicilia in regola sui tempi Ue»

L'apice della paura è a macchia di leopardo. In tutto 780 chilometri quadrati, sparsi in 630 siti della Sicilia. Sono le zone "R4", quelle che presentano il massimo livello di rischio ("molto elevato") di frane e inondazioni nell'Isola: il 2,43% sul totale del territorio siciliano. L'ultima elaborazione, ancora inedita, dei Piani di assetto idrogeologico della Regione, che l'assessorato al Territorio e ambiente metterà sul proprio sito, in un link "Piano di gestione del rischio alluvioni", nelle prossime settimane. La Sicilia ve ne propone in anteprima uno stralcio con i dati più interessanti. A partire dalle aree che - secondo l'ultimo aggiornamento - hanno la più alta probabilità di ingenti danni a persone e cose in calamità come quella della Sardegna.
Il tasso di rischio è una combinazione fra le caratteristiche idrogeologiche dei luoghi e la vulnerabilità indotta dalla presenza di insediamenti urbani, ponti e strade. Lo studio è su 107 bacini idrografici dell'Isola. Nella scala di gravità, oltre al già citato "R4", ci sono anche "R3" (rischio elevato, 957 siti), "R2" (rischio medio, oltre 2mila luoghi) ed "R1" (rischio moderato, circa 3.300 siti). La mappa complessiva è in fase di elaborazione da parte dell'assessorato e quindi manca ancora il dato complessivo sull'incidenza in percentuale del rischio di frane e inondazioni, ma la stima è che almeno un 30% di tutto il territorio dell'Isola possa avere tassi significativi.
Ma quali sono le zone a livello "R4". In una prima rielaborazione grafica sono piccole macchie distribuite soprattutto nella parte orientale della regione: in gran parte a Messina (zona tirrenica nord), a Catania (nella zona sud della città, fra l'aeroporto e il Simeto, ma anche nell'hinterland, con qualche sito alle pendici dell'Etna), a Siracusa (nella zona del Porto Grande) e poi Gela e Licata; in Sicilia occidentale le zone a massimo rischio di frane o esondazioni sono nella Valle del Belice, est del Golfo di Palermo e nella fascia delle Petralie.
«Per tutte queste aree - si legge in un report del Servizio 3 Assetto del territorio e difesa del suolo - sono state disciplinate le attività esercitabili e altresì destinate le risorse per le prime attività».
Ben altra cosa è il rischio idrogeologico complessivo. La Sicilia è tra le regioni italiane che superano il 90% di dissesto nel proprio territorio: su 390 comuni, ben 277 ricadono in aree soggette a rischio idrogeologico, secondo l'ultimo rapporto di ministero dell'Ambiente e Legambiente. Da alcune zone di Palermo, fino a Messina, con diversi comuni del Parco dei Nebrodi; da Trapani fino alla costa jonica a nord di Catania. Questi dati diventano ancora più allarmanti se s'incrociano con quelli dell'abusivismo edilizio: l'84% degli immobili abusivi, in Sicilia, sorge su terreni sottoposti a vincoli sismico (7 su 10 con livello medio-alto) e idrogeologico, secondo il "Rapporto sull'abusivismo edilizio" della Regione.
Ma - tralasciando dissesto, pericolo sismico e abusivismo - a che punto è la Sicilia in materia di gestione del rischio alluvioni? «Putroppo non si può dire che la nostra regione è più sicura, ma certamente grazie al lavoro che abbiamo fatto negli ultimi mesi è più informata e consapevole», sostiene l'assessore regionale al Territorio e Ambiente Mariella Lo Bello. Con una delibera di giunta dello scorso 14 ottobre si è infatti conclusa «la fase di elaborazione del Piano di gestione del rischio alluvioni, che dovrà essere completato entro il mese di giugno 2015». L'incombenza e la scadenza sono fissate da una direttiva della Commissione europea del 2007, attuata dal governo italiano nel 2010.
E una volta tanto la Regione Siciliana sta rispettando la tabella di marcia: «Abbiamo completato - sostiene Lo Bello - l'aggiornamento di tutti i Pai (i Piani di assetto idrogeologico, sui quali in Sardegna si è polemizzato a causa dei pesanti ritardi, ndr) ma questa è soltanto una fase intermedia. «Il piano sarà concertato con i territori, le associazioni e tutti i soggetti interessati», annuncia. Ci saranno misure per uso sostenibile del territorio e per la sua rigenerazione e messa in sicurezza, oltre che interventi non strutturali per migliorare il sistema di prevenzione del rischio e della risposta alle emergenze». Nel report dell'assessorato si legge di «misure strutturali (arginature, ricalibrature, rettifiche diversivi o scolmatori, serbatoi di laminazione, casse d'espansione) e misure non strutturali dando priorità a quelle non strutturali promuovendo "pratiche sostenibili di utilizzo del suolo", il miglioramento della capacità di ritenzione delle acque nonché l'inondazione controllata di certe aree in caso di fenomeno alluvionale, la regolamentazione delle attivtà che comportano l'impermeabilizzazione e il potenziamento delel attività di protezione civile».
Il problema, come sempre, saranno i fondi per passare dallo studio all'azione. «Ma le Regioni devono pressare il governo nazionale affinché scongiuri i tagli sugli interventi in materia di rischio idrogeologico», precisa Lo Bello che si farà «portavoce, con una lettera a tutti i colleghi assessori all'Ambiente, di un'azione forte e univoca». Partendo da una considerazione, giusta quanto amara: «La violenza provoca sempre vittime, anche quella che si fa al territorio».
twitter: @MarioBarresi

*Articolo pubblicato sull'edizione odierna del quotidiano La Sicilia


:.-^-.:SeCuRyTy:.-^-.:

avatar
THE_HUNTER
»Global Moderatore«
»Global Moderatore«

Popolarita' nel Forum : Grande Rispetto
Maschile
Numero di messaggi : 1226
Età : 46
Località : Around the world
Reputazione : 62
Data d'iscrizione : 09.11.08

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum