Libretto di circolazione e patente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Libretto di circolazione e patente

Messaggio Da Pietro il Mer 03 Dic 2014, 08:02

È durata poco l'efficacia della circolare del ministero dei Trasporti del 10 luglio 2014 che rendeva obbligatoria a partire dal 3 novembre l’intestazione temporanea sulla carta di circolazione della persona che aveva in uso una macchina o una moto non sua per più di trenta giorni. Il Tar, accogliendo il ricorso di varie aziende del settore e dell’Aci, ha deciso di sospendere la norma fissando l’udienza in cui si deciderà il da farsi per il 28 maggio 2015.

C’è tempo quindi per fare chiarezza su questa misura, che ha causato non poco panico tra gli automobilisti e ha dato vita a una serie di notizie non corrispondenti a verità. Innanzitutto va detto che la misura non ha assolutamente lo scopo di complicare la vita a chi usa l’auto di mamma o del fidanzato/a, ma soltanto a chi utilizza auto intestate fittiziamente ad altri (solitamente nullatenenti che vivono in altri paesi europei oppure società fantasma) e che così si sentono liberi di infrangere tutte le regole a loro piacimento senza dover mai rispondere del loro comportamento.
Si tratta di quelle auto che sempre più spesso si vedono circolare nelle nostre città (in Italia ce ne sono 300mila) di solito caratterizzate da targhe di paesi dell’Europa dell’est ?. Ecco, l’intestazione temporanea della carta di circolazione aveva lo scopo di colpire questi automobilisti, obbligandoli a fornire le loro generalità sul libretto e quindi a dover rispondere del loro comportamento su strada e delle loro infrazioni.

Vediamo allora quando non va fatta l'intestazione. In linea di massima, non c’è da preoccuparsi per i “normalli” automobilisti. Se e quando l’intestazione temporanea dei veicoli tornerà in vigore, non dovrete fare nulla in questi casi: se prestate l’auto al vostro convivente, la prestate a un amico, usate sempre quella di mamma o papà, girate con un auto sostitutiva. E questo anche se la utilizzate per un periodo superiore ai 30 giorni, per la semplice ragione che il vigile non può sapere da quanto tempo siete “in possesso” di quella vettura. Insomma, in tutti i casi in cui non è stato firmato un atto formale tra il proprietario dell’auto e colui che la guiderà per un periodo superiore ai trenta giorni non c’è bisogno di fare proprio nulla.

Vediamo invece quando va fatta l’intestazione temporanea: si applica se una persona fisica o giuridica ha disponibilità di una vettura, motoveicolo o rimorchio intestata a un’altra persona (sempre fisica o giuridica) nei seguenti casi: a titolo di comodato gratuito, in seguito a un contratto di locazione senza conducente, quando si compra un auto con il “rent to buy” (ovvero quando si ha la disponibilità di un auto intestato ad altri in cambio di un canone da pagare per un certo periodo di tempo, al termine del quale si ottiene la proprietà del mezzo), quando c’è un provvedimento di affidamento in custodia giudiziale, quando una persona ha la disponibilità di veicoli che sono intestati a minori e altre persone “giuridicamente incapaci”, quando un erede utilizza un veicolo intestato a un defunto.

Fondamentalmente, oltre ai casi delle intestazioni fittizie che si vogliono colpire con questa misura, dovranno farsi carico dell’intestazione temporanea soprattutto coloro i quali prestano un auto a una persona che non è loro familiare per un lungo periodo di tempo e fanno un contatto di comodato d’uso gratuito. In questo caso bisogna comunicare alla Motorizzazione Civile, entro 30 giorni dalla firma del contratto, le generalità della persona che userà la macchina.

Come si fa l’intestazione temporanea? L’operazione si può fare presso gli uffici provinciali della motorizzazione civile compilando un modulo e una dichiarazione sostitutiva di atto notorio. I “diritti di motorizzazione” costano 9 euro, ai quali si aggiungono i 16 euro di imposta di bollo da versare mediante bollettino postale. Fatto questo, la motorizzazione consegnerà alla persona che utilizzerà l’auto un tagliando adesivo da applicare alla carta di circolazione. Ci si può anche rivolgere ai “centri servizi motorizzazione”, per evitare le code e semplificare la procedura, ma in questo bisognerà pagare anche il costo del servizio offerto.

Tutto questo, comunque, è stato bloccato dal Tar e quindi per i prossimi mesi nessuno dovrà fare nulla. Se ne riparlerà solamente a maggio.
Fonte : Yahoo! Notizie .


avatar
Pietro
»W7 ACCESS«
»W7 ACCESS«

Popolarita' nel Forum : Rispetto
Maschile
Numero di messaggi : 171
Età : 48
Località : Resuttano
Reputazione : 8
Data d'iscrizione : 05.05.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Libretto di circolazione e patente

Messaggio Da Pietro il Mer 03 Dic 2014, 08:02

Reperito in rete il famigerato Art.94 coma 4 - biss. Ministero delle Infrastrutture dei Trasporti per interesati da leggere con pazienza e attenzione.


Per favore favorisca patente , libretto , _ stato di famiglia e certificato di residenza
avatar
Pietro
»W7 ACCESS«
»W7 ACCESS«

Popolarita' nel Forum : Rispetto
Maschile
Numero di messaggi : 171
Età : 48
Località : Resuttano
Reputazione : 8
Data d'iscrizione : 05.05.08

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum