Influenza A: Le domande sul virus

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Influenza A: Le domande sul virus

Messaggio Da °°))Gandy((°° il Sab 29 Ago 2009, 19:14

IL VIRUS E LA PANDEMIA

ROMA - L'influenza A/H1N1 è la nuova pandemia: attesa da decenni, è arrivata a 41 anni dall'ultima delle tre pandemie del '900, la Hong Kong del 1968. Mentre l'attenzione degli esperti di tutto il mondo era puntata verso Oriente e i timori concentrati sul virus dell'aviaria H5N1, il nuovo virus pandemico è arrivato dall'Occidente ed è un mosaico composto da parti di virus suino, parti di virus aviario e parti di virus umano.

In pochissimi mesi il virus si è diffuso in cinque continenti: dalle Americhe all'Europa, dall'Oceania all'Asia, all'Africa. In un mondo globalizzato, il virus ha viaggiato rapidamente da un continente all'altro spostandosi a bordo degli aerei ed ora, nell'emisfero Sud, ha trovato un potente alleato nel freddo della stagione invernale.

E' un virus-puzzle, un po' umano, un po' suino e un po' aviario. Virus dell'influenza dei suini sono noti da tempo e più volte nella storia hanno fatto parlare di sé, ma solo adesso è comparso un 'pronipote' di questa famiglia capace di trasmettersi da uomo a uomo. Si trasmette molto facilmente, attraverso le goccioline di saliva e il contatto ravvicinato: di qui l'importanza di rispettare regole igieniche fondamentali, come lavare spesso le mani.


I sintomi e le precauzioni

ROMA - Può presentarsi sia in forma lieve che grave, ma i sintomi dell'influenza A, il virus H1N1, assomigliano a quelli dell'influenza stagionale 'classica': febbre, dolori muscolari e articolari, mal di testa, perdita d'appetito, tosse, e in alcuni casi mal di gola, nausea, vomito e diarrea.

E come l'influenza stagionale, avverte il ministero del Welfare sul suo sito, può causare un peggioramento di patologie croniche preesistenti. Sono stati, infatti, segnalati casi di complicazioni gravi (polmonite ed insufficienza respiratoria).

Chi ha contratto l'influenza A sono da considerarsi potenzialmente contagiose già durante il periodo di incubazione prima della manifestazione dei sintomi: un adulto può trasmettere il virus da un giorno prima dell'inizio dei sintomi per tre-sette giorni dall'inizio di questi. I bambini, in particolare quelli più piccoli, possono potenzialmente diffondere il virus per periodi più lunghi.

Ci sono poi alcune semplici indicazioni che possono aiutare a prevenire l'insorgere dell'influenza A: per esempio, coprire con un fazzoletto, meglio se di carta, naso e bocca quando si starnutisce e gettare il fazzoletto o lavarlo, lavare spesso le mani con acqua e sapone soprattutto dopo aver tossito o starnutito o dopo aver frequentato luoghi e mezzi pubblici, evitare di toccare occhi, naso e bocca con mani non pulite. I pazienti sono sempre tenuti a informare il medico di un viaggio all'estero negli ultimi sette giorni dall'insorgenza della malattia, anche se ormai il sospetto di influenza A deve essere preso in considerazione anche in assenza di viaggi all'estero.


Influenza A: i pediatri, vaccinare subito i bimbi sotto due anni
ROMA - "Auspichiamo che il ministero della Salute inserisca nel gruppo dei soggetti che per prima verranno sottoposti al vaccino da influenza A anche i bambini al di sotto dei due anni". A chiderlo è il presidente della Federazione medici pediatri (FIMP), Giuseppe Mele, spiegando che i bambini nella fascia di età compresa tra i 6 mesi e i 3 anni "di norma rischiano il contagio da influenza stagionale dieci volte di più rispetto ad un uomo adulto". "Tutti gli indicatori, anche quelli internazionali, confermano - spiega il presidente della FIMP, sigla che riunisce circa 7 mila pediatri - che è necessario vaccinare nella prima fase anche bambini dai due anni in giù. La decisione, che spetta al ministero della Salute, inoltre andrebbe nella direzione tracciata in questi ultimi mesi: contenere la diffusione della pandemia coprendo con il vaccino il 40% della popolazione e in particolare le categorie più a rischio".

"Prima che il vaccino contro la nuova influenza H1N1 sia pronto, io propongo dei piccoli trucchi per prevenire le infezioni, come l'assunzione dell'integratore a base di papaya fermentata". Il consiglio arriva dal premio Nobel per la Medicina Luc Montagnier a margine del congresso SFFR-Europe "Radicali Liberi, salute e stile di vita: dal segnale cellulare alla prevenzione della malattia" organizzato dall'Università degli studi di Roma Foro Italico. "Per resistere all'influenza è necessario avere un buon sistema immunitario - ha detto Montagnier - Infatti il virus H1N1 ha causato la morte soprattutto in coloro che avevano dei fattori di rischio, come i malati cardiovascolari." "Bisogna quindi cercare di prevenire le infezioni virali come il comune raffreddore. Per cui io consiglio dei piccoli trucchi di prevenzione, come appunto la preparazione di papaya che io stesso sto assumendo", ha concluso il premio Nobel.


OMS PREOCCUPATA, 40% DEI MORTI ERA GIOVANE E SANO
PARIGI - La direttrice generale dell'Organizzione Mondiale della Sanità (Oms) Margaret Chan, si é detta "preoccupata" perché nel 40% dei casi i morti per la nuova influenza erano "giovani adulti in buona salute".

In un'intervista al quotidiano francese Le Monde Margaret Chan ha spiegato che "il 60% dei decessi riguarda persone che hanno problemi di salute anteriori al virus" e quindi il restante 40% "sono giovani in buona salute che muoiono di polmonite virale nel giro di 5-7 giorni".

Il virus sta viaggiando "ad una velocità incredibile e inedita - continua la direttrice dell'Oms - in sei settimane percorre la stessa distanza che gli altri virus percorrono in sei mesi". Il rischio, secondo il medico originaria di Hong Kong e alla guida dell'Oms dal 2007, "interessa fino al 30% della popolazione dei paesi ad alta densità geografica". "Per la maggior parte dei malati il virus non crea danni seri - ha aggiunto - ed è normale che la gente pensi che si parla troppo del virus". Ma su quest'ultimo punto non è d'accordo: "Senza un piano di preparazione, non saremo in grado di dare una risposta organizzata".


In arrivo vaccino spray, massiccia produzione
WASHINGTON - Un vaccino nasale spray o da somministrare con il contagocce potrebbe rappresentare la soluzione a potenziali carenze di vaccini contro l'influenza A: Medimmune, l'azienda produttrice della sostanza, ha reso noto che nei suoi laboratori si stanno mettendo a punto dosi cinque volte superiori allo stimato.

La casa farmaceutica, già sul mercato de medicinali con l'unico vaccino spray contro l'influenza stagionale (FluMist), mirava ad una produzione di 40milioni di dosi dell'immunizzazione contro il virus H1N1 entro il prossimo marzo, ma ora alzato le stime a 200milioni di dosi.

Ma l'aumento della produzione prevista porterà ad un problema di mancanza di bottigliette spray e ora l'azienda spera di ottenere l'approvazione del governo all'uso di contagocce per somministrare il vaccino. Il ministero della Sanità Usa - ha fatto presente Robin Robinson capo del team di esperti contro la pandemia influenzale - ha già ordinato 12.8 milioni di dosi da Medimmune "ma ora i rifornimenti potrebbero aumentare di una larga quantità".



QUELLO CHE SAPPIAMO SUL VIRUS E I PUNTI INTERROGATIVI
ROMA - In quattro mesi il virus dell'influenza A H1N1 ha fatto il giro del mondo, dimostrando una capacità di diffusione molto rapida. Microbiologi, infettivologi e immunologi di tutto il mondo non lo perdono d'occhio perché le probabilità che possa improvvisamente trasformarsi, diventando più aggressivo, non vanno sottovalutate. Sorvegliare il responsabile della nuova pandemia é necessario, inoltre, perché molte domande sul comportamento di questo virus sono ancora senza risposta.

COME E' FATTO - Il virus A H1N1 è un collage di otto geni che provengono da tre specie diverse (suina, aviaria e umana). Combinandosi, hanno dato vita al quarto virus pandemico finora osservato, dopo quello della Spagnola del 1918, quello dell'Asiatica del 1957 e quello della Hong Kong del 1968.

COME SI TRASMETTE - Come i virus dell'influenza stagionale, anche quello dell'influenza A si trasmette attraverso le goccioline di saliva disperse nell'ambiente con colpi di tosse e starnuti. L'influenza che trasmette è stata chiamata anche "suina" sia perché il virus contiene geni dell'influenza suina, sia perché il maiale è probabilmente stato il laboratorio naturale in cui il virus si è formato, assemblando i diversi frammenti di geni. Tuttavia gli esperti hanno assicurato fin dall'inizio che non si corre alcun rischio di trasmissione consumando carne di maiale.

QUANTO SI TRASMETTE - In quattro mesi il virus ha attraversato cinque continenti, a dimostrare la sua grande capacità di trasmettersi. Le sue armi molecolari, ossia le proteine che si trovano sulla sua superficie (chiamate emoagglutinina e neuroaminidasi) si sono trasformate in modo che il virus ora riesca ad agganciarsi molto facilmente a più tipi di cellule umane. Poiché è un virus pandemico, è presente in tutto il mondo contemporaneamente e indipendentemente dalle stagioni.

SINTOMI - Sono simili a quelli dell'influenza stagionale, con febbre, tosse, mal di gola, naso chiuso, dolori muscolari, mal di testa, debolezza. Come nell'influenza stagionale, il contagio può avvenire da un giorno prima fino a una settimana dopo la comparsa dei sintomi.

QUANTO E' AGGRESSIVO - I casi avvenuti finora appaiono lievi e si guarisce in una settimana. In genere le morti sono avvenute in persone già indebolite da altre malattie e con problemi respiratori. Ci sono stati, però, casi in cui sono morti bambini e giovani così come donne in gravidanze. Gli esperti cercano di capire perché. Sembra comunque, ha osservato oggi l'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) che a mano a mano che i casi aumentano i casi di ricovero e complicanze riguardano persone più anziane. Il quadro complessivo non è comunque ancora chiaro, ha detto ancora l'Oms, e richiede una costante sorveglianza.

COME DIFENDERSI - Gli esperti raccomandano di lavare spesso le mani con acqua e sapone e di non frequentare luoghi affollati. Le persone con l'influenza non dovrebbero uscire di casa quando hanno la febbre o durante il periodo in cui è più probabile che possano trasmettere il virus ad altri.

VACCINO - Secondo quanto ha detto l'Oms, dovrebbe essere disponibile intorno a settembre. La produzione è cominciata e sono attesi a breve i test clinici per verificarne sicurezza ed efficacia.
ANSA: 29/08/2009


.-^-.:ThE AdMiN FoUnDeR:.-^-.

avatar
°°))Gandy((°°
°°Fondatore e WebMaster°°
°°Fondatore e WebMaster°°

Popolarita' nel Forum : Grande Rispetto
Numero di messaggi : 2600
Punti : 143529
Reputazione : 255
Data d'iscrizione : 04.05.08

http://resuttano.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Influenza A: le domande sul virus

Messaggio Da °°))Gandy((°° il Dom 06 Set 2009, 18:13



APPROFONDIMENTI
-----------------------------------------------------------------------
Il virus e la pandemia
I sintomi e le precauzioni
I pediatri: vaccinare subito i bimbi sotto i due anni
Oms preoccupata, 40% dei morti era giovane e sano
In arrivo vaccino spray, massiccia produzione
Quello che sappiamo sul virus e i punti interrogativi
Come avverra' la grande vaccinazione
'Influenza A (H1N1)', ecco cosa significa
Cosi' colpisce la prima pandemia del secolo
Le tre pandemie del secolo scorso
Fasi d'allerta per pandemia
I virus sorvegliati speciali
ASSOCIATE
------------------------------------------------------------
Parlare vicini aumenta rischio contagio
Usa: si' al fist bump, no ai bacetti
Picco a Natale chiusura mirata per le scuole
Oms: donne incinte a rischio, cure immediate
Il primo italiano morto, a Buenos Aires
SPECIALI
-------------------------------------------
Le FAQ del ministero della Salute
Videostory: virus H1N1, tra rischi reali e psicosi
DOCUMENTI
----------------------------------------------------
La circolare per la prevenzione e il controllo dell'epidemia
LINK UTILI
---------------------------------------------------
Il Ministero della Salute
OMS - Organizzazione Mondiale della Sanita'
Ansa Salute
Ministero degli Affari Esteri


.-^-.:ThE AdMiN FoUnDeR:.-^-.

avatar
°°))Gandy((°°
°°Fondatore e WebMaster°°
°°Fondatore e WebMaster°°

Popolarita' nel Forum : Grande Rispetto
Numero di messaggi : 2600
Punti : 143529
Reputazione : 255
Data d'iscrizione : 04.05.08

http://resuttano.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum